Immobili: nuove tutele per chi acquista sulla “carta”

Nuove tutele per chi vuole acquistare immobili sulla “carta”. Con la legge n. 155 del 19 ottobre 2017, “Delega al Governo per la riforma delle discipline della crisi di impresa e dell’insolvenza” pubblicata in Gazzetta Ufficiale n. 254, del 30 ottobre 2017, sono previste misure per tutelare gli acquirenti di case in costruzione ed evitare che gli acquirenti incappino in costruttori truffaldini e anticipino somme senza che arrivi mai la consegna della casa. In base alla normativa in esame, l’atto o il contratto avente come scopo i  trasferimento non immediato della proprietà o di altro diritto reale di godimento su un immobile da costruire o in costruzione, dovrà essere stipulato per atto pubblico o con scrittura privata autenticata. In questo modo sarà il notaio a verificare la legalità relativa all’adempimento dell’obbligo di stipula della fideiussione (ex artt. 2 e 3 del d.lgs. 122/2005) e di quello di rilascio della polizza assicurativa indennitaria. Il notaio garantirà dai raggiri, dato che non sarà possibile per il costruttore incassare nulla fintanto che non avrà dimostrato di avere le carte in regola.
Altra importante novità è costituita dall’obbligo gravante sul costruttore o sul venditore di immobili in costruzione di rilasciare all’acquirente una polizza assicurativa che, per almeno dieci anni, tenga indenne l’acquirente dai danni derivanti da rovina totale o parziale dell’edificio o da gravi difetti costruttivi delle opere. Al momento del rogito, poi, il notaio dovrà verificare che sia stata effettivamente stipulata e rilasciata all’acquirente la polizza assicurativa di durata decennale a garanzia del risarcimento degli eventuali danni materiali e diretti dell’immobile derivanti da vizi di costruzione.

La Redazione

 

 

Lascia una risposta